Per riconoscere un vero e autentico prodotto biologico certificato, dovremo affidarci alla lettura dell’etichetta.
Infatti proprio al suo interno, potremo ritrovare la dicitura “DA AGRICOLTURA BIOLOGICA”, con altri dati molti importanti che scopriremo qui di seguito:

    • Nome (e in maniera facoltativa il logo) dell’ Organismo che esegue il controllo e suo n° di autorizzazione ministeriale;
    • autorizzazione ministeriale;
    • codice dell’ Organismo di Controllo;
    • codice dell’ azienda produttrice;
    • numero di autorizzazione alla stampa dell’ etichetta;

Nello specifico i termini “bio” e “eco”, non possono essere utilizzati nella pubblicità, nei documenti commerciali e nel sistema di etichettatura di prodotti i quali non seguono in maniera scrupolosa, le procedure e normative per la produzione di prodotti biologici.

Nel caso di prodotti con più ingredienti (es. biscotti), per poter utilizzare la dicitura “da Agricoltura Biologica” occorre che:

    • Almeno il 95% degli ingredienti siano biologici certificati;
    • Il restante 5% è rappresentato da una lista di ingredienti normalmente non certificabili (es. sale);
    • Non sono consentite miscele biologica e non biologica di un singolo ingrediente (es. farina);
    • Nel caso di prodotto ad unico ingrediente il 100% deve essere biologico;
    • numero di autorizzazione alla stampa dell’ etichetta;

Esiste inoltre un marchio unico europeo per l’agricoltura biologica che contraddistingue gli alimenti prodotti nei paesi dell’Unione Europea.

L’utilizzo di tale contrassegno è facoltativo e in etichetta deve comunque comparire il riferimento ad uno degli Organismi di Controllo, anche in presenza del marchio europeo.

 

Logo Europeo produzione biologica