Olio di cocco: qualità benefiche, risparmio, innumerevoli usi

Per millenni l’olio di cocco è stato utilizzato come prodotto dietetico e cosmetico. Si tratta di un potente distruttore di ogni tipo di microbo: virus, batteri, protozoi (molti potenzialmente nocivi). L’olio di cocco è oltretutto un naturale apportatore di grasso di alta qualità, fondamentale per una salute ottimale dell’organismo.
Circa il 50 per cento del grasso contenuto nell’olio di cocco è acido laurico, elemento estremamente raro in natura. L’olio di cocco contiene acido laurico più di qualsiasi altra sostanza sulla Terra.

olio-di-cocco-il-doposole-vegetale

Benefici generici per la salute apportati dall’olio di cocco.

L’olio di cocco offre una lunghissima lista di benefici per la salute, se viene incluso nella dieta quotidiana. Oltre alle proprietà antimicrobiche, è utile per:

– Supportare la salute del cuore ed una corretta funzione tiroidea
– Apportare benefici al cervello
– Rafforzare il sistema immunitario
– Fornire un ottimo carburante all’organismo
– Rinforzare a accelerare il metabolismo quando si ricerca una perdita di peso
– Mantenere la pelle sana e giovane

Ma l’olio di cocco ha anche un numero impressionante di altri usi, dalle applicazioni topiche di bellezza, ai trattamenti di primo soccorso, alla pulizia in generale.
L’olio di cocco può sostituire decine di prodotti di bellezza e cura del corpo.

Di seguito vado ad elencarne alcuni.

– Strucco: imbevendo di olio di cocco un batuffolo di cotone pulito o un panno umido.

– Detersione viso: massaggiando viso e collo con un cucchiaio di olio di cocco su viso e collo.

– Scrub corpo: mescolando parti uguali di olio di cocco e zucchero di canna biologico in un barattolo di vetro e applicandolo sulla pelle asciutta prima della doccia o del bagno.

– Scrub viso: al posto dello zucchero, mescolando l’olio di cocco con bicarbonato di sodio o farina d’avena.

– Lozione per la rasatura: applicando un sottile strato di olio di cocco sulla zona da radere. L’acido laurico contenuto nell’olio di cocco servirà anche come antisettico per eventuali tagli da rasatura.

– Idratante per il viso ed il corpo: sia da solo, che mescolandolo con l’olio essenziale preferito (assicurarsi di utilizzare un olio essenziale di alta qualità per l’applicazione topica). E’ possibile produrre una crema idratante soffice e spalmabile anche a basse temperature frustando l’olio di cocco con un miscelatore elettrico

– Antirughe: se applicato localmente l’olio di cocco aiuta a ridurre segni e rughe sottili, contribuendo a mantenere i tessuti connettivi forti ed elastici.

– Crema per le cuticole: una piccola quantità di olio di cocco strofinata intorno alle cuticole ammorbidisce le zone secche.

– Deodorante: una piccola quantità di olio di cocco applicata sulle ascelle aiuta a tenere a bada gli odori, grazie alle sue proprietà antibatteriche. Se si preferisce, è possibile aggiungere una piccola quantità di bicarbonato di sodio, o creare un vero deodorante usando olio di cocco, bicarbonato e polvere di radice. Ulteriori info nel seguente video (lingua inglese con sottotitoli in automatico attivabili su YouTube)

– Olio da bagno: Aggiunto all’acqua nella vasca da bagno vostro bagno aiuta a idratare la pelle secca causa di pruriti (rimuovere i residui dal fondo della vasca per evitare successivi scivolamenti). Assicurarsi che l’acqua sia più calda di 25 gradi Celsius per evitare che l’olio si solidifichi.

– Sapone: l’olio di cocco è uno degli ingredienti fondamentali di molte ricette per la preparazione di sapone fatto in casa.

– Burrocacao: sia applicando una piccola quantità di olio di cocco, così come è sulle labbra, oppure realizzando un sostituto del burrocacao attraverso una delle molte ricette presenti online.

– Dentifricio: Miscelato al bicarbonato di sodio l’olio di cocco può sostituire il dentifricio. Il bicarbonato di sodio pulisce delicatamente, mentre l’azione antibatterica dell’olio di cocco può mantenere sotto controllo i batteri nocivi.

– Repellente per insetti nocivi: una miscela di olio di cocco con oli essenziali di alta qualità può aiutare a tenere a bada gli insetti nocivi se applicato sulle porzioni di pelle esposte alle punture. Tra gli oli da miscelare si consigliano: menta piperita, melissa, rosmarino, olio di albero del the, citronella, geraniolo, olio di erba gatta e / o estratto di vaniglia chiara.

Amico dei capelli.
L’olio di cocco è anche noto per i suoi effetti benefici sui capelli. La maggior parte delle donne che ne fatto uso lo utilizzano come balsamo pre-shampoo. Basta massaggiare l’olio di cocco sui capelli asciutti e lasciare in posa per circa un’ora o più. Si può anche lasciare agire per un’intera notte, indossando una cuffia per proteggere il cuscino dalle macchie. Applicato in questo modo l’olio contiene il danneggiamento della superficie del capello da cui derivano indebolimento e rotture. Se applicato come trattamento pre-lavaggio, una piccola quantità di olio di cocco è in grado di penetrare in profondità nel fusto del capello rendendolo più resistente al lavaggio.

Benefici per la salute orale.
Come accennato l’olio di cocco miscelato al bicarbonato di sodio diventa un semplice, economico, ma efficace dentifricio.

Olio di cocco alla riscossa.
Oltre tutti gli utilizzi descritti finora, l’olio di cocco merita anche un posto nell’armadietto dei medicinali, sempre per via della sua attività antimicrobica e anti-virale. Ad esempio, l’olio di cocco può essere utile nel trattamento di:

– Infezioni dell’orecchio. Un paio di gocce in ciascun canale uditivo. In caso di olio soliifcato si può facilmente liquefare mettendone una piccola quantità in un bicchiere o altro piccolo contenitore e poi immergendo quest’ultimo in una tazza d’acqua calda.

– Eruzioni e irritazioni cutanee, tra cui la varicella e herpes zoster: Basta applicare una piccola quantità sulle zone anatomiche interessate.

– Infezioni fungine, come piede d’atleta e tigna, miscelandolo con un pò di olio di origano o di olio di albero del the.

– Punture di insetti, punture di api, herpes labiale con la stessa miscela descritta sopra.

– Epistassi: può aiutare se applicato regolarmente all’interno delle narici

– Emorroidi: per un risultato più efficace aggiungere un pò di olio essenziale di lavanda.

– Secchezza vaginale.

– Massaggio perineale: le donne in gravidanza possono utilizzarlo per massaggiare quotidianamente il perineo, a far capo da circa un mese prima del parto, per contribuire a ridurre le probabilità di strappi e / o la necessità di una episiotomia.

– Anti-pidocchi: l’olio di cocco è più efficace della permetrina contro i pidocchi. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista European Journal of Pediatrics una combinazione di olio di cocco e anice è risultata quasi due volte più efficace della lozione permetrina comunemente prescritta per il trattamento dei pidocchi.

Non è meraviglioso vedere come la natura offra tante soluzioni efficaci per molti dei nostri mali? E lo fa in un modo spesso più efficace dei nostri intrugli chimici!

Usi sorprendenti dell’olio di cocco nella gestione domestica.

1 Disinfettare il tagliere in legno. Da usare ogni volta che il legno comincia a sembrare secco.

3 Utilizzare come smalto metallico. E’ consigliato testarlo prima su una piccola area.

4. Idratare e ammorbidire la pelletteria come si farebbe con altri prodotti da negozio.

5. Lubrificare cerniere cigolanti e meccanismi con olio di cocco, al posto di altri prodotti.

6. Pulire e lucidare i mobili in legno. Sempre meglio testarlo prima su una piccola area.

7. Lubrificare le corde della chitarra.

8. Rimuovere i residui di sapone con un panno inumidito con una piccola cucchiaiata di olio di cocco. Spruzzare la zona con aceto bianco e infine asciugare con un panno privo di lanugine.

10. Pulire mani e pennelli dopo l’uso di vernici a base d’olio, in luogo dell’acquaragia.

11. Pulire il cruscotto dell’auto con una piccola quantità su un panno morbido e privo di lanugine.

12. Pulire e disinfettare la dentiera applicando un sottile strato di olio di cocco se non è in uso. Sciacquare prima dell’uso.

13. Pulire e lucidare le foglie delle piante d’appartamento strofinandole con una piccola quantità di olio di cocco su un panno privo di lanugine.

14. Rimuovere la gomma da masticare da qualsiasi zona, compresi tappeti e capelli.

Written by UnMondoBiologico